martedì 13 maggio 2008

Niente disegni neanche stavolta (Travaglio e varie)

Solo un piccolo en passant: da Fazio Travaglio ha detto una cosa molto semplice: c'è un giornalista pluripremiato e osannato per la sua lotta alla mafia che ha parlato delle relazioni di Schifani con gli ambienti mafiosi. Quindi o lui mente e allora smettiamo di osannarlo oppure Schifani ha relazioni con ambienti mafiosi e non merita assolutamente il suo ruolo istituzionale (e neanche di stare in Parlamento e neanche di essere un uomo libero). Ok, può anche essere stata gratuita la battuta sulle muffe, ma non mi pare il caso di fare le prime donne, tutti, da maggioranza ad opposizione. Non so perchè sono tutti convinti (PD compreso) che l'affermazione di cui sopra abbia bisogno di contradditorio. Cosa poteva contraddire Schifani? Che se lui ha relazioni con la mafia allora può lo stesso essere sul seggio più alto del Senato? Oppure che il giornalista (di cui, ammetto, ora mi sfugge il nome) ha torto e lui non ha mai parlato con dei mafiosi? Va bene, ma questo Travaglio nel suo discorso l'aveva già messo in conto.

E allora dov'è il problema? Forse nel fatto che Travaglio abbia in TV (orrore!) adombrato la possibilità che il centrodestra (ma quale centro? destra e basta direi) sia un covo di conniventi mafiosi, corrotti e ignoranti... ammettendo, fra l'altro, come ho già detto, che questo potrebbe anche non essere vero. Ma instillare nella mente il dubbio è comunque molto pericoloso, meglio che dal servizio pubblico passino solo informazioni ben controllate e corrette dai zelanti berluscones, perchè le nostre fragili menti confuse non abbiano da cadere nell'errore del libero pensiero.

Il PD, fra l'altro, ha dimostrato di essere un partito moderno appiattendosi sulle posizioni della maggioranza (cosa che evidentemente ogni moderno partito dell'opposizione deve fare se vuole fregiarsi il titolo di moderno), nonostante queste fossero solo dei deliri autoritaristici e illiberali.
Sì, perchè guarda un po' voler tappare la bocca a chi parla dal servizio pubblico è una pratica illiberale.
Lo stesso Travaglio lo ha detto nel suo discorso da Fazio: la sinistra critica la destra solo quando fa comodo: quando c'è la possibilità di dialogo (cioè di portarsi a casa qualche briciolina) qualsiasi problema viene messo da parte, e se qualcuno fa notare che, cazzo, i mafiosi non dovrebbero stare in Parlamento lo si accusa di agitare cappi ed essere "un giustizialista".
E guarda un po' cosa sta succedendo adesso: il PD sta tentando un dialogo con Berluskaz, e nel momento in cui un giornalista dal servizio pubblico critica il presidente del Senato accusandolo di connivenza con ambienti mafiosi ci si schiera tutti al suo fianco, indipendentemente dalla verità o meno delle sue affermazioni: a quanto pare la logica dei servi ha fatto breccia anche nella sinistra, facendo credere a tutti che la modernità sia questa.

Avanti così, Partito Democratico! Il futuro è bellissimo!

PS: Fino a qualche tempo fa dicvo che la Finocchiaro era una delle poche PD che mi piacciono. Ritiro tutto. E per rispondere a infunzia nei commenti del precedente post: No, sono veronese. Forse è anche peggio.


EDIT: ecco cosa dicono Travaglio e Gomez nel loro libro Se li conosci li eviti, edito da chiarelettere

7 commenti:

Marco ha detto...

Per quel che conta sono pienamente d'accordo con te. Purtroppo non ho letto niente riguardo a schifani e a quello che fa con i suoi amici, ma penso che se travaglio l'ha detto in tv senza nascondersi dietro a una sedia... beh proprio falso non dev'essere

Infunzia ha detto...

quoto quoto quoto il tuo post, tantissimo. e ci aggiungo che amo Travaglio e che lui, l'offesa della muffa, l'ha pure ritirata dicendo, giustamente, che dalla muffa si ottiene la penicillina.

io credo in Marco Travaglio, e non perchè è contro Berlusconi, ma perchè non ne ha persa una E DICO UNA di cause fattegli dal sopracitato. la cosa strana è he questo la gente non lo ricorda, quando spara minchiate, e parla dell'USO CRIMINOSO DELLA TELEVISIONE PUBBLICA.

togliessero quella cazzo di Ventura e della Clerici, e poi se ne può parlare. perchè è più criminoso questo, di uso. far dormire i cervelli.

la Finocchiaro mi ha fatto la stessa impressione che ha fatto a te, in passato, ma sa fare bene il suo lavoro di "politico"

e poi trovarmi direttamente sul post un pò m'ha emozionata. e ti va tutta la mia solidarietà, a vivere in un posto così intollerante.

un bruz!
Infu

Bruz ha detto...

@marco: eccoti accontentato (vedi edit)!
@infunzia: il problema è che se non abbiamo un'opposizione che combatte ma una che lecca per potersi portare a casa due o tre bricioline non so dove cazzo andiamo... appena viene fuori qualcuno (tipo moretti, per dirne uno) dai cosiddetti intellettuali che invoca un cambiamento a sinistra è lo stesso centrosinistra a delegittimarlo... non ho più nessuna fiducia nella nostra classe politica.
Emozionata de che? :D
Guarda, riguardo al discorso Verona è un po' complicata la cosa. I media ci han veramente dipinto come una Monaco degli anni '30, ma la verità è che anche i nazisti sono una minoraza qui; la maggioranza purtroppo è formata da una classe media gretta ed egoista che di queste cose se ne strafotte: basta che il sindaco Tosi gli cavi da davanti a casa quei quattro rom che gli han rubato la bicicletta e poi tutto va bene... il fatto che Miglioranzi, capolista della lista civica Tosi e capo di fiamma tricolore (o qlcs del genere), 12 anni fa abbia partecipato ad un pestaggio non fa nè caldo nè freddo al 70% della popolazione. I pestaggi nazi sono preoccupantemente frequenti, ma se lo fai notare a qualcuno la risposta probabilmente sarà "non è vero" oppure "eh anche i comunisti".
Ad ogni modo, tutto questo non mi ha mai impedito di girare da solo per strada la notte, con capelli e barba lunga, senza che mi succedesse mai niente. Verona è una citta piccola, strana e triste... avremmo bisogno di una bella bomba (metaforicamente parlando ovviamente) che scardini un po' le cose e svegli queste orrende teste di cazzo che votano Lega Nord e la domenica vanno in chiesa a sentire il prete che dice che siamo tutti uguali davanti al Signore senza sentire nemmeno un po' la contraddizione.

alè!

Loscrutatore ha detto...

cara democrazia...ritorna a casa che non è ancora tardi

Rose Black ha detto...

Ma quoto riquoto e straquoto riguardo alla nostra cittàdimerda Brù!

Ammiraglio Vlad ha detto...

Io non solo credo di aver perso la fiducia nella nostra classe politica, ma sono profondamente convinto di iniziare a provare anche un forte odio per una gran parte dei miei connazionali...

Non ci rimane che la Mona.

Marco ha detto...

odio l'italiano medio.. e odio me stesso per lo stesso motivo.
Che rabbia.

Vabbè grazie bruz per il link.